LA NOSTRA PELLE HA SETE

23.01.2015 21:26

 

ANCHE LA NOSTRA PELLE HA SETE

 

BERE UNA SUFFICIENTE QUANTITA' DI LIQUIDI E' NECESSARIO

PER MANTENERE UNA BUONA SALUTE IN GENERALE E PER CONSERVARE UN BUON ASPETTO DELLA NOSTRA PELLE.

 

 

La pelle è l'organo più esterno del nostro corpo, controlla le perdite d'acqua e sali minerali, regola la temperatura e protegge l'organismo dalle aggressioni esterne.

Inoltre, la pelle costituisce una difesa contro agenti patogeni, e contribuisce ad evitare lo sviluppo di processi infettivi e allergici.

 

Un organo sensibile alla disidratazione

 

Per poter mantenere intatte tutte le sue funzioni la pelle necessita di una corretta idratazione. In effetti, il nostro corpo è formato in un 70% di acqua.

 

Ma questi livelli idrici si perdono facilmente e senza liquidi sufficienti diminuisce la capacità di protezione della pelle, non si eliminano tossine correttamente e si producono diverse alterazioni nel corretto funzionamento corporeo.

 

La pelle possiede un manto idrolipidico, una barriera di protezione formata da varie sostanze tra cui acqua e lipidi. Questa cappa protegge da aggressioni esterne e mantiene il pH delle pelle dentro dei limiti idonei per evitare le infezioni.

 

La pelle perde costantemente i suoi livelli d'idratazione, grazie alla sudorazione.

 

Inoltre, il sole, l'umidità, la contaminazione, l'alcool, il tabacco, una alimentazione non sana, così come una scarsa idratazione costituiscono quei attacchi continui che esauriscono le difese naturali della pelle.

 

Quando si producono disequilibri, il manto idrolipidico lascia uscire l'umidità della pelle e appaiono sintomi di disidratazione come irritabilità, secchezza...Per questo è necessario ingerire liquidi per avere una pelle idratata e con una corretta funzionalità di tutti i suoi tessuti.

 

 

  La disidratazione affetta a tutti tipi di pelle: secche, miste, grasse, sensibili.

 

Inoltre, con il passare del tempo diminuisce la sintesi di grassa dell'epidermide e le ghiandole sebacee sono meno attive, per questo la cappa cornea non ritiene più l'acqua e si secca.

 

 

I 7 SEGNI DELL'INVECCHIAMENTO

 

Non solo le rughe sono segno d'invecchiamento. I cambi della pelle, soprattutto del viso, ci fanno sembrare più vecchi di quel che siamo realmente. Questi segni sono più evidenti dopo i 35 anni, ed è per questo che bisogna prevenirli.

 

  1. Rughe e linee di espressione: la gravità delle rughe della pelle varia secondo fattori come la esposizione al sole, il tabacco e l'ereditarietà genetica. Le linee di espressione, invece, sono il risultato di azioni ripetitive, e sono più visibili intorno alla bocca e agli occhi.

  2. Tessuto della pelle non uniforme: con il passare del tempo la pelle diventa più fragile perdendo gradualmente la sua elasticità ed il suo aspetto uniforme.

  3. Pigmentazione non omogenea: con gli anni diminuisce la produzione del pigmento naturale della pelle, la melanina.

  4. Mancanza di luminosità:la perdita della luminosità significativa nella pelle del viso si deve fondamentalmente all'attività ormonale, nelle donne dopo i 40 anni.

  5. Pori visibili:il poro è l'apertura da dove cresce il pelo. Ogni pelo ha un'apertura sebacea che produce il lubrificante che ha bisogno la pelle. Dopo i 40 anni, i pori sono più visibili sul viso, dando un impatto estetico negativo per le donne.

  6. Macchie della pelle: appaiono macchie oscure sulla pelle, come conseguenza alla esposizione solare, questo si conosce con il nome di fotoinvecchiamento.

     

  7. Pelle secca e tirata: la pelle si disidrata, e appare secca e rugosa. La soavità della pelle dipende dalla presenza d'acqua. Per proteggere la pelle della perdita d'acqua, le ghiandole sebacee producono una sostanza oleosa. Con il passare degli anni questa produzione decresce e questo, insieme a le condizioni ambientali, fanno sì che la pelle perda acqua e diventi secca e tirata.

 

 

 

EVITARE L'ACOOL, DISIDRATA!!

 

 

Oltre a tutte le nefaste conseguenze che può causare l'alcool per la nostra salute, l'alcool aumenta la temperatura corporea e il rischio di disidratazione.

 

Inoltre, può avere un effetto diuretico eliminando di conseguenza più liquidi di quelli che beviamo.

 

Spesso, quando si beve in eccesso, al giorno dopo è facile alzarsi con molta sete. Questa sensazione ci comunica che soffriamo di una mancanza di liquidi.

 

FITO-TOCOTRIENOLI

La vitamina E del terzo millennio

 

La vitamina E ha conquistato, una posizione di rilievo in ambito cosmetico, come ingrediente funzionale in formulazioni, sia per la cura del viso che del corpo.

La vitamina E è il più importante antiossidante lipofilo, coinvolto in numerose funzioni biologiche e fisiologiche, e i meccanismi molecolari di queste funzioni, sono essenzialmente mediati dall'attività antiossidante e stabilizzatrice a livello delle membrane cellulari.

 

A livello cutaneo, l'implementazione dell'azione antiossidante, è una strategia fondamentale nel contrastare l'invecchiamento cutaneo precoce indotto dallo stress ossidativo, derivante sia da insulti chimici che ambientali.

 

Il termine vitamina E, è il nome generico usato per indicare una famiglia di sostanze antiossidanti, a carattere liposolubile, che comprende due classi di composti:i tocoferoli e tocotrienoli.

 

I tocotrienoli sono composti naturali contenuti in molti alimenti, ma le quantità che si possono assumere attraverso la dieta non sono ritenute sufficienti ad indurre gli effetti benefici per la salute umana ad essi attribuiti.

 

 

  • Attività antiossidante

 

I tocotrienoli sono potenti antiossidanti naturali, e conferiscono un'efficace protezione verso il danno ossidativo cutaneo, indotto dai radicali liberi, in particolar modo quelli derivanti da radiazioni attiniche o generati dall'inquinamento ambientale.

 

In virtù delle loro proprietà, i tocotrienoli, possono essere efficacemente impiegati come ingredienti funzionali anti-aging, per il trattamento e la prevenzione dell'invecchiamento precoce della pelle.

 

Inoltre i tocotrienoli sono in grado di prevenire l'ossidazione del collagene presente a livello dermico.

 

  • Accumulo nello strato corneo

 

Tra i costituenti della famiglia della vitamina E, il nostro organismo accumula di preferenza, a livello della pelle i tocotrienoli. Questi infatti penetrano rapidamente nella pelle e presentano una miglior capacità di accumulo nello strato corneo ed una maggior affinità per le membrane cellulari, rispetto ai tocoferoli.

 

  • Fotoprotezione

 

La potente attività antiossidante dei tocotrienoli permette una efficace protezione della pelle dai danni UV- indotti, ritenuti una causa primaria dell'envecchiamento cutaneo precoce.

 

 

IMPIEGHI E APPLICAZIONI

 

I tocotrienoli, inoltre, considerati come nutriceutici, in virtù della capacità di accumularsi efficacemente a livello dello strato corneo, si configurano come alimenti funzionali ideali, per la preparazione dei cosiddetti cosmetofood.

 

Con questo termine, di derivazione anglosassone, si intendono opportuni integratori alimentari che vantano benefici effetti a livello cutaneo

 

Alla luce delle caratteristiche descritte, i tocotrienoli, possono essere definiti come la vitamina E del nuovo millennio, ed essere considerati ingredienti funzionali ideali, per lo sviluppo di formulazioni antiaging di nuova generazione.

 

Julia Pulido naturopata

julia.pulido@alice.it

 

 

 

 

Contatti

ilcerchiodeifioridibach/la curandera calle Rufas 18 4°
50001 Zaragoza (Spagna)
0034 611429772 juliapulido64@gmail.com